top of page
  • Immagine del redattoreMonica Toso

Una giungla di norme per salvare la scuola: sicurezza o "pandemia burocratica"?

Aggiornamento: 22 nov 2023

Davvero difficile districarsi oggi in mezzo alla normativa per la gestione dell’emergenza Covid-19. Norme emanate e poi superate da altre. Campeggia così il disorientamento per la giungla di regole che, evidentemente, non sono state accompagnate da studi di fattibilità su quanto il sistema dei tamponi fosse in grado di reggere la nuova ondata.


Modificare il sistema dei colori e semplificare le regole per la scuola. E' quanto chiedono ( finalmente n.d.r ) le Regioni al governo.


“Guardare al futuro e procedere rapidamente verso una normalizzazione della situazione che consenta una ripresa più ordinata e il rilancio del nostro Paese. Questi gli obiettivi che ci siamo posti oggi e che sono la base di una posizione che i Presidenti delle Regioni hanno condiviso in modo unanime”, ha dichiarato Massimiliano Fedriga, Presidente della Conferenza delle Regioni.


Il superamento del sistema a colori delle zone di rischio, assieme all’esigenza che la sorveglianza sanitaria sia riservata ai sintomatici, dovrebbero dunque rappresentare i caposaldi di un documento che sarà inviato nei prossimi giorni al Governo e cui, verosimilmente, l'esecutivo comincerà a prestare attenzione dopo l' "impegnativa" elezione del Capo dello Stato in corso.


Va poi semplificata la sorveglianza nelle scuole, sottolineano le Regioni, precisando che "sotto questo profilo per non interrompere continuamente l’attività didattica in presenza è opportuno tenere in isolamento solo gli studenti positivi sintomatici".


Il documento che le Regioni hanno preparato da sottoporre al Governo prevede dunque : “revisione e superamento dell’attuale sistema di sorveglianza nelle scuole, procedendo alla sospensione della didattica in presenza solo per i soggetti sintomatici; sospensione del contact tracing e mantenimento dell’autosorveglianza“.


Un documento che noi tutti, rappresentanti della scuola, ci auguriamo venga preso seriamente in considerazione, perchè l'alternativa sarebbe quella di incartarsi tra regole e misure scoordinate e persone seriamente preoccupate, quando non incazzate.

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Vietato dire #NATALE

E meno male che ci hanno ripensato! Perchè già ci stavamo interrogando su come poter spiegare ai bambini il concetto di un Natale politicamente corretto. Semplice per le prossime vacanze, che si sare

Storie di bambini e "drink pass"

Il green pass visto con gli occhi dei bambini La storia che vi racconto oggi è tratta dall'ordinaria o forse straordinaria normalità di un asilo. Un bambino A che chiameremo Antonino, durante il gioco

L'8 marzo spiegato ai bambini

Si avvicina la festa della donna e dunque quale senso dare a questa giornata agli occhi dei bambini? Non potremo certo metterci a raccontare loro delle operarie dell'industria tessile di New York che,

コメント


bottom of page