top of page
  • Immagine del redattoreMonica Toso

DAD: Dateci Ancora Didattica

Aggiornamento: 22 nov 2023

Prima il 7 gennaio, poi l'11, poi il 18, poi a fine mese, ma non per tutti. Così prosegue, da ormai quasi un anno, la lunga via crucis della scuola italiana che, se da un lato pare intenzionata a voler graziare in presenza le fasce d'età più piccole, continua a trovare nella didattica a distanza l' ancora di salvezza maggioritaria del sistema scolastico nazionale. Risultato? Che a scendere in piazza non sono solo gli "adulti", stuoli di genitori e insegnanti che del mezzo virtuale filtrante e diversamente comunicante proprio non ne possono più, ma gli stessi studenti ,che rivogliono la loro ricreazione, i compiti passati sottobanco, il timore dell'interrogazione alla cattedra, il sospirato suono della campanella e chi più ne ha più ne metta. E mentre governo, politicanti e comitati di esperti discutono, quando non litigano, su percentuali di rischio e calendari di rientro, non sono solo psicologi e pedagogisti a mettersi le mani nei capelli per i presunti danni emotivi causati alle giovani generazioni, ma persino gli economisti, che parlano di enormi carenze da background svantaggiato che, nel lungo termine, si tradurranno inesorabilmente in un effetto cumulativo-peggiorativo dell'apprendimento. Perchè, in un Paese in cui già la natalità è ai minimi termini, se al mondo del lavoro verranno meno anche giovani preparati, motivati, debitamente formati e capaci di relazionarsi col mondo, sarà l'intera nazione a subire i danni di un'ulteriore perdita di competitività economica e imprenditoriale. Il virus fa paura certo e la possibilità di contagio invita alla prudenza. Ma persino la ministra Azzolina a sto giro si è impuntata, dicendosi preoccupata per il black-out della socialità che i ragazzi stanno vivendo, oltre che per i rischi di dispersione scolastica. Ora sorge un unico dubbio. Su quale possa essere il criterio secondo il quale un certo ordine di grado e scuola debba ritenersi meno pericoloso di un altro. Perchè i bambini piccoli non si baciano sulla bocca come gli adolescenti, ma "smoccolano" con maggior frequenza, seppur asintomatici non sono esen-covid, il personale educativo non può sottrarsi all'elevato rischio di contrarre infezione e i minorenni qualcuno a scuola ce li dovrà portare. Quindi, se anche più basso è l'impatto sui mezzi pubblici utilizzati e il conseguente rischio assembramento, non si può escludere la circolazione di virus tra cose e persone che non se ne stanno barricate in casa. Stante la chiusura delle scuole da parecchi mesi, se fosse l'indotto scolastico a fare da incubatore e trasmettitore dovremmo ormai poter dormire sonni tranquilli. E invece non è così. Quindi? La soluzione allo sblocco di questo empasse non la possiamo certo dare noi, ma una cosa va detta. Che chi ad oggi è presente sul campo dell'istruzione con le porte aperte della sua scuola, ha rischiato, rischia e rischierà, con buona pace di genitori arrabbiati per l'interruzione del servizio a causa delle quarantene, spaventati dal contagio e critici sui modus operandi. Perchè, per tanto che ci si sforzi, c'è un unico modo per non correre il rischio di prendere il covid. Starsene chiusi in casa fino a tempi migliori. E allora, all'alba di quasi un anno dalle prime chiusure delle scuole, non sarebbe forse il caso di cominciare a valutare altri interventi possibili, come il potenziamento dei mezzi, lo scaglionamento degli orari, la chiusura di attività meno controllabili, il controllo del rispetto delle regole dentro e fuori gli edifici, il potenziamento di testing e tracciamento e la vaccinazione del mondo scolastico in prima fase? Perchè la scuola ha (o dovrebbe avere) pari dignità rispetto ai servizi essenziali e ai luoghi di lavoro, essendo una sintesi di entrambi. L'istruzione è un diritto che impiega lavoratori della conoscenza.



16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Vietato dire #NATALE

E meno male che ci hanno ripensato! Perchè già ci stavamo interrogando su come poter spiegare ai bambini il concetto di un Natale politicamente corretto. Semplice per le prossime vacanze, che si sare

Storie di bambini e "drink pass"

Il green pass visto con gli occhi dei bambini La storia che vi racconto oggi è tratta dall'ordinaria o forse straordinaria normalità di un asilo. Un bambino A che chiameremo Antonino, durante il gioco

bottom of page